Avellino – Catania, il doppio ex Fraccapani: “Domani mi accontento di un pareggio. In Irpinia sono rinato, Sibilia era unico”

Avellino – Catania, il doppio ex Fraccapani: “Domani mi accontento di un pareggio. In Irpinia sono rinato, Sibilia era unico”

Le parole del doppio ex di Avellino – Catania

di Redazione Sport Avellino

E’ la vigilia di AvellinoCatania. Domani al “Partenio – Lombardi” si sfideranno le due squadre per la prima giornata del campionato di Serie C. Sarà una gara molto affascinante e combattuta. Anche il doppio ex, Piero Fraccapani, ha commentato, ai microfoni di Tuttocalciocatania.com,la sfida di domani – dicendo:  “Sia ad Avellino che a Catania ho vissuto esperienze bellissime, con tifoserie calorose. Io  andai Catania nel 1974, ero reduce dalla promozione in B ottenuta proprio con l’Avellino. Onestamente dopo avere conquistato la cadetteria sul campo non sarei voluto tornare in Serie C, ma mi convinsi ad accettare la proposta quando Massimino mi disse che avrebbero allestito una squadra competitiva per il salto di categoria. Fu la scelta giusta. Vincemmo subito il campionato e devo dire che è stata una bella avventura. Avellino è stata la mia rinascita dopo un anno trascorso a Salerno. Il club irpino mi prese dal Milan e vincemmo il campionato partendo in sordina. Il Lecce era uno squadrone ma riuscimmo a spuntarla noi. Nessuno a quei tempi sapeva persino dove si trovasse Avellino. Stabilimmo il record di 62 punti in un torneo in cui la vittoria valeva due punti. La città era interamente colorata per la prima storica promozione in Serie B. Il Presidente Antonio Sibilia era burbero ma di una gentilezza e passione fuori dal comune. Io sono amico di Salvatore Di Somma. E’ una persona di fiducia che mastica calcio. Sta costruendo la rosa, conosce tutti, ha preso diversi giovani che io non conosco. Bisogna vedere se riesce a concentrare il tutto in una squadra ed a renderla efficace in campo. Una volta fatto questo, Avellino ha tutte le carte in regola per aspirare alla B, se non da subito nei prossimi anni. Mi auguro di rivedere presto in cadetteria sia il Catania che l’Avellino. Vorrei che domenica vincessero entrambe ma non è possibile. Mi accontento di un pareggio. Tutti vogliono fare bottino pieno perchè vincere è bello, però un punto a testa può essere utile. In questo momento il Catania, comunque, ha qualcosa di più a livello di rosa e altro”. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy