Caso Mens Sana Basket, Minucci: “Mi sono adeguato ad un sistema”

 

Una lettera per rispondere a quanti “hanno inondato la vicenda della Mens Sana Basket e ovviamente, essendone parte integrante, anche la mia persona” di fiumi di parole. E’ quanto scrive l’ex presidente della Mens Sana, Ferdinando Minucci, agli arresti domiciliari dall’8 maggio al 30 giugno scorso, e ora sottoposto a obbligo di dimora, in una lettera da lui firmata e consegnata all’ANSA da uno dei legali, Gian Piero Biancolella, proprio nel giorno in cui il tribunale di Siena ha dichiarato il fallimento della societa’ di basket. “Mi assumo le responsabilita’ per essermi adeguato ad un sistema che nel mondo dello sport professionistico e’ ben conosciuto, noto all’interno della Mens Sana Basket” dice Minucci che nella lettera ricostruisce la sua storia nella societa’, 23 anni, costellati di vittorie e del record consecutivo di scudetti dal 2007 al 2013. “Se ho sbagliato mi assumero’ le mie responsabilita’ ma quel che non accetto e’ l’accusa di aver profittato del mio ruolo – continua l’ex presidente -. Ho piena fiducia negli organi inquirenti e nella magistratura, sono certo che la verita’ ristabilira’ i confini del mio operato. In ogni caso tengo a precisare che per quanto di mia conoscenza, qualsiasi somma entrata nella disponibilita’ della societa’ e’ stata utilizzata, per il bene e l’interesse della societa’ stessa. Nego decisamente che da parte mia ci siano state locupletazioni personali”. Minucci dice che la societa’ da lui guidata per lungo tempo, si era dimesso da general manager il 15 marzo scorso (era stato presidente dal 2008 al 2012), non ha mai voluto rispondere a chi in questi anni “ci ha attaccato senza esclusione di colpi, tentando a piu’ riprese di delegittimare quanto avevamo fatto e stavamo facendo. Abbiamo risposto sul campo”. E quindi respinge anche l’accusa di chi vede nel suo comportamento un atto “determinante per la fine drammatica della Mens Sana Basket”. E qui ricorda che dopo l’impegno del Comune e della Fondazione Mps, nel 2000/2001 arrivo’ la svolta “decisiva” e positiva con la sponsorizzazione diretta della Banca Monte dei Paschi. Una sponsorizzazione andata avanti fino a quando il Monte non e’ entrato in crisi e il nuovo “management senza preavviso e contravvenendo gli impegni assunti non solo scritti” ha cambiato strategia e tolto la sponsorizzazione. Una svolta che per Minucci ha “contribuito, a mio avviso in maniera determinante, a causare quello che purtroppo e’ avvenuto”. Una svolta conclude, che e’ avvenuta prima “delle perquisizioni e dei sequestri del dicembre 2012” alla societa’ di basket.

 

Check Also

Avellino-Cavese, le probabili formazioni: ospiti dubbio offensivo, per Braglia ampia scelta

Non è un testacoda ma poco ci manca. Per l’ultima partita del girone di andata, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.