Foster si presenta: «Qui non per sostituire qualcuno. I playoff sono alla nostra portata»

Contro la Sidigas Avellino ha realizzato il suo massimo score nell’unica sua avventura italiana (stagione 2009-2010 con la canotta di Cremona in cui ha disputato 29 partite segnando oltre 12 punti di media con 3,3 rimbalzi e 2,1 assist). Adesso Je’Kel Foster, ultimo rinforzo di mercato effettuato dalla Sidigas Avellino è pronto a metter a segno nuovi record ma questa volta con la divisa biancoverde, con cui debutterà la prossima domenica nel match casalingo contro la Cimberio Varese. Tanta voglia di vincere ma, soprattutto, grande impegno sul parquet a cominciare dalla difesa: «Sono venuto ad Avellino non per sostituire qualcuno (chiaro riferimento all’epurato Taquan Dean) ma per giocare per la squadra, aiutandola  a vincere il maggior numero di partite e dare il mio contributo in difesa». La fase di non possesso palla è uno dei marchi di fabbrica del numero 23 («è il mio numero preferito sin dai tempi del College» ha affermato) della Scandone: «Di base sono un buon giocatore difensivo ma mi piace anche attaccare e tirare». Con coach Vitucci un idillio cominciato già nel 2010: «Penso sia un ottimo coach. Abbiamo parlato e mi ha spiegato quale sarà il mio compito e dovrò dare il massimo». Del suo unico precedente contro Avellino, Foster ricorda il calore del pubblico: «Non ricordo molto dal punto di vista tecnico, ma ricordo i tifosi e il loro grande calore sia in casa che in trasferta». Dalla sfida di domenica prossima inizierà la rincorsa di Avellino verso i playoff: «Possiamo raggiungere i playoff, poi potrà succedere di tutto. Ora pensiamo una partita per volta» – ha dichiarato l’ex Nantierre che nel pomeriggio ha effettuato il primo allenamento con Lakovic e compagni che hanno ripreso la preparazione al completo dopo la due giorni di riposo concessa dallo staff tecnico.

Leggi anche

Avellino, Braglia: “Dobbiamo migliorare sotto l’aspetto della qualità, Illanes è entrato bene”

Ha commentato la vittoria ottenuta per 1-0 sulla Cavese, il tecnico biancoverde Braglia: “Per mezz’ora …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.