L’Avellino espugna il Rocchi di Viterbo: D’Angelo la sblocca al 95′

L’analisi della gara tra Viterbese e Avellino

di Redazione Sport Avellino

ANALISI PRE – GARA

Esordio bis per l’Avellino dopo la gara rinviata contro la Turris al “Partenio – Lombardi”. La squadra allenata da mister Braglia cerca il primo risultato positivo in questo campionato contro la Viterbese in terra laziale. Il tecnico biancoverde si affida al 3-4-3 schiera subito dal primo minuto il neo acquisto Silvestri. L’ex Potenza sarà affiancato da capitan Miceli e Rocchi. In porta confermato Forte. Qualche cambio a centrocampo rispetto alla scorsa formazione: Ciancio e Burgio occuperanno le corsie laterali e De Francesco con  D’Angelo completeranno la linea a 5. Il tridente d’attacco sarà formata da Santaniello, Bernardotto e Maniero.

PRIMO TEMPO

Match molto fisico nella prima frazione di gioco. L’Avellino nei primi trenta minuti di gioco trova pochissime volte la porta, subendo molto la pressione della Viterbese. Il tridente d’attacco non riesce a creare azioni pericolose. Solo un’azione degna di nota con un tiro da fuori area di Riccardo Maniero e nella ribattuta del portiere Daga non trova il vantaggio con Bernardotto.

SECONDO TEMPO

Dopo qualche minuto Braglia ha optato per un cambio: dentro Marco Silvestri, fuori Bernardotto. L’attaccante ex Vibonese ha giocato fuori ruolo e non è stato pericoloso in area di rigore avversaria. Nei minuti successivi i biancoverdi hanno provato a fare la gara ma le conclusioni in porta sono state ben poche. A metà della seconda frazione di gioco ci ha provato Miceli, ma ha trovato la respinta del portiere avversario. Il tecnico toscano ha provato a mischiare le carte in tavola con l’ingresso di Adamo, Tito e Rizzo. Al minuto 95′ è arrivato il vantaggio con un goal di testa di D’Angelo. Importantissima vittoria per i lupi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy