Pochesci da libro cuore: “Il calcio al Sud senza Avellino è come la Serie A senza la Juventus”

Pochesci da libro cuore: “Il calcio al Sud senza Avellino è come la Serie A senza la Juventus”

Il commento dell’ex allenatore della Ternana

di Redazione Sport Avellino

Sandro Pochesci, ex allenatore della Ternana, ha commentato ai microfoni di SportChannel l’approdo di Diego Albadoro ad Avellino.

Ecco le sue parole: “È un grande acquisto, avete preso un grande giocatore. Con me ha fatto il record di gol a Fondi con 13 gol. Giocatore che può giocare come prima punta, perché sa coprire bene gli spazi. Ha un tiro fenomenale, anzi forse l’unico difetto è che non tira spesso perché, con la forza e la precisione che ha, è un giocatore letale. Tecnicamente stiamo parlando di uno dei top player della Lega Pro. Lo feci giocare anche in Serie B, fece tre gol, poi purtroppo lo hanno messo fuori rosa perché aveva avuto dei problemi con l’altro allenatore ed è stato un anno fermo. Di questo mi dispiace: non potrò mai dimenticare il gol all’80’ a Foggia, dove vincemmo 2-3. Fu l’unica sconfitta di quella squadra che poi andò in B. L’Avellino è in buone mani perché il direttore Di Somma è uno dei più vincenti, è un purosangue avellinese che ha fatto la storia quando giocava. Diego deve rilanciarsi, ha tanta voglia. Quest’estate mi ha chiamato, aspettava che io magari trovassi qualche società, e quando mi parlò dell’Avellino gli dissi ‘Vacci anche gratis’. Il mondo di Albadoro e quello dell’Avellino possono sposarsi e possono fare la rinascita di questa società. Sono convinto che tra novembre e dicembre questa società avrà un input importante nel panorama calcistico perché il calcio al Sud senza Avellino è come la Serie A senza la Juventus”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy