Sidigas: l’Unipol Arena vero fortino per la Granarolo Bologna

Bella in casa, meno in trasferta. La Unipol Arena, casa della Granarolo Bologna, si è rivelato sin qui un fortino per la compagine di coach Giorgio Valli che ha sin qui raccolto i sei punti maturati in classifica (con la vittoria a Pistoia sarebbero otto se non vi fosse la penalizzazione di due punti), rispettivamente contro Orlandina, Pasta Reggia Caserta e, in ultima battuta, la Grissini Bon Reggio Emilia, in un derby caratterizzato dalla cornice dei settemila supporters bianconeri che hanno trascinato Ray e compagni al successo contro i cugini emiliani. L’ex guardia dei Boston Celtics e Lottomatica Roma, nonché capitano del team caro al presidente Villalta, Durante la gara di domenica contro Reggio Emilia il capitano bianconero ha rimediato una contusione al ginocchio sinistro e rientrerà in gruppo soltanto domani. La Virtus, il cui palmares indica ben quindici scudetti seniores più altri venti a livello giovanile, oltre a due Euroleghe vinte nel 1998 e 2001 (l’anno del Grande Slam sotto la guida di Ettore Messina, attuale assistente allenatore dei San Antonio Spurs in Nba), si presenterà al cospetto della Sidigas Avellino come un’avversaria che fa del pragmatismo, dell’energia  e della difesa il proprio marchio di fabbrica negli appuntamenti davanti al proprio pubblico. Le statistiche offensive casalinghe non premiano la truppa allenata dall’ex  Valli che viaggia col 44,3 % da due ed il 39% dalla lunga distanza. Un dato, tuttavia, cui dovrà fare i conti la Sidigas riguarda quello dei punti subìti dalle Vunere ossia meno di settantacinque punti incassati nelle tre vittorie casalinghe. L’unica eccezione è data dal trionfo dell’attuale capolista, l’Umana Reyer Venezia, brava ad imporsi (seppur di misura) per 79-83 con un 67,5 % da due ed un contemporaneo  55% ai tiri liberi. Dal canto suo la Scandone, fuori casa, iscrive a referto 73,5 punti di media con un’interessante 53,1% da due e un rivedibile 31,8% dai 6,75 metri. Statistiche a parte, Avellino dovrà fare i conti col fattore psicologico qualora lo scenario dovesse riproporre un finale punto a punto. Servirà la giusta calma e il sangue freddo per non ripetere gli stessi errori. I lupi sono avvisati.

Check Also

Avellino, Braglia: “Dobbiamo migliorare sotto l’aspetto della qualità, Illanes è entrato bene”

Ha commentato la vittoria ottenuta per 1-0 sulla Cavese, il tecnico biancoverde Braglia: “Per mezz’ora …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.