RUBRICHE

Verso Catania-Avellino. Il focus sulla formazione di Baldini

Alla scoperta dell'avversario dei lupi

Seconda trasferta consecutiva per l’Avellino di Piero Braglia. Dopo il pareggio sul campo della Fidelis Andria, ecco la sfida al Catania. La formazione siciliana sta vivendo un buon momento ed è determinata a proseguire la scia di risultati positivi andando oltre le difficoltà che la stanno attanagliando fuori dal rettangolo di gioco.

La guida tecnica

Subentrato in corsa nello scorso torneo, prese il posto dell’esonerato Raffaele proprio alla vigilia della sfida di ritorno con i lupi, Francesco Baldini (classe 1974) stavolta ha iniziato dal principio il suo percorso sulla panchina etnea. Un percorso pieno di ostacoli, in cui l’ex difensore deve mettere in risalto oltre agli aspetti tecnico-tattici (4-3-3 il suo modulo di riferimento) anche la capacità di provare a tenere il gruppo lontano dai problemi societari che continuano a tenere in apprensione tutto l’ambiente rossoblù.

La situazione societaria

La situazione societaria della gloriosa formazione rossoblù resta, dopo aver già vissuto l’intera estate sul filo del rasoio, davvero molto complicata. Il grido d’allarme lanciato da Baldini al termine della sfida pareggiata in casa del Francavilla è stato forte e chiaro e lascia poco spazio all’immaginazione. La squadra, come detto, prova ad estraniarsi e a dare il massimo ma presto dovrà fare i conti anche con i punti di penalizzazione che renderanno ancor più complicato il lavoro.

Il bomber

La nota più lieta di questo inizio di stagione è rappresentata dal rendimento di Luca Moro. Il giovane centravanti (classe 2001), arrivato in Sicilia in prestito dal Padova, sta stupendo tutti ed è al momento il capocannoniere di tutta la Serie C con 7 reti all’attivo. Dopo una partenza in sordina, inizialmente è stato utilizzato come alternativa al croato Sipos, l’ex Genoa si è scatenato mettendo a segno tutti i suoi gol nelle ultime sei giornate. Con due doppiette (Turris e Juve Stabia) messe a referto e gol pesanti per la classifica etnea.

L’inizio di stagione

Dopo aver collezionato 3 ko nelle prime 4 gare di campionato, il Catania ha rialzato la testa mettendo in cascina 8 punti nelle successive 5 uscite. Nelle ultime 3 gare sono arrivati 7 punti grazie ai successi ottenuti contro Picerno (1-0 esterno firmato dal rigore di Moro) e Juve Stabia (3-2 interno griffato ancora da Moro) e dal pareggio maturato domenica scorsa sul campo del Francavilla (1-1 ancora gol su rigore per Moro). Problemi societari a parte, l’Avellino quindi si troverà di fronte una squadra viva, pronta a proseguire nella sua serie positiva. Forte anche del fattore Massimino che per i lupi, storicamente, rappresenta un vero e proprio tabù.

Articoli correlati

Back to top button