Avellino-Brescia: la palla passa al calcio statistico. Caracciolo mattatore assoluto

Tralasciando per un po il calcio giocato la palla ora passa al “calcio statistico”. Nel prossimo turno la troupe di Rastelli affronterà il Brescia. A dividere le due squadre ci pensano i cinque punti di distacco.I biancoverdi saranno un po avvantaggiati dal fattore campo. Si perché l’Avellino ha racimolato 31 punti in casa, un bottino da non sottovalutare. Mentre la compagine allenata da Iaconi ha raccolto 21 punti tra le mura amiche.  Sono dodici le vittorie di Castaldo e soci, mentre per Caracciolo e compagni dieci. E’ uno scontro testa a testa tra i due colossi: Galabinov e Caracciolo. Per il primo, dieci reti con una media di 91 tiri. Per il secondo sono ben sedici le reti realizzate con una media di 85 tiri, l’Airone concretizza di più. Per quanto concerne gli assist vincenti la classifica è dominata da Sodinha che ha collezionato 5 assist vincenti. Mentre per l’Avellino è uno scontro alla pari tra Castaldo e Schiavon, quest’ultimo decisivo nel creare l’assist vincente per la rete di Castaldo nella gara interna contro il Cittadella che ha riportato la vittoria al Partenio-Lombardi dopo tre mesi di digiuno. Le Rondinelle sono la squadra regina per il possesso palla 29:03′. Ma non è l’unico dato a favore della compagine di Iaconi. Difatti detengono anche la miglior media per passaggi riusciti il 68%.

Leggi anche

Salerno – Avellino, le pagelle: one man show di Riccio

Le pagelle della cocente sconfitta avellinese sul campo di Salerno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.