SERIE B

Brignoli: “Ripetere il duello con Castaldo? Perché no”

Lombardo di nascita ma di adozione umbra. Alberto Brignoli estremo difensore della Ternana si è messo in luce dopo una stagione brillante con la maglia del Lumezzane. Passato alla corte delle “Fere” il 12 luglio del 2012. Fa il suo esordio in cadetteria il 1º settembre 2012 nel match Ternana- Modena (0-1). Nella seconda metà della stagione 2012- 2013 trova il posto da titolare. Il 31 gennaio 2013 viene riscattata la metà del cartellino da parte della Ternana e per le ottime prestazione (riceve vari premi come miglior portiere della categoria). Conquista la riconferma nella stagione passata concludendo con uno score di 36 presenze in campionato. In questo frangente di campionato ha un gap di meno tre reti, una delle migliori difese del campionato. Brignoli nel monday night di lunedì affronterà insieme ai suoi compagni proprio l’Avellino di Rastelli. Una sfida importante, delicata ma soprattuto combattuta, come dichiarato dall’estremo difensore rossoverde. “Siamo ben consapevoli dell’organico dell’Avellino, sarà una partita difficile. L’Avellino arriva da un buon momento di forma, ne sono la prova i punti conquistati nelle ultime tre gare. Ma è da dire che gli irpini stanno facendo bene da ormai due anni. Sarà davvero una partita difficilissima. Il nostro augurio è quello di far bene”.  Lo scorso anno è stato l’artefice, insieme a Castaldo di un duello all’ultimo sangue, nella sfida di ritorno contro la Ternana: “Sincero? Spero di non ripetermi. Lo scorso anno  devo dire che sono stato anche fortunato. Se capita, però, di fare qualche parata è sempre piacevole. Il mio augurio è che i miei compagni non debbano aver bisogno dei miei “straordinari” fino a quel punto”, ci ride su Brignoli. L’Avellino alla sfida del “Libero Liberati” si presenterà con una nuova veste e con nuovi volti, che sono giunti nel mercato estivo. Tante le riconferme e tante le nuove “leve”. Chi c’è da temere? “L’Avellino già lo scorso anno ha dimostrato di saperci fare, vedi giocatori come Zappacosta sono volati in massima serie. Non c’è un giocatore in particolare che temo. Ottima difesa, c’è Pisacane e Zito che negli anni passati hanno fatto bene con noi. Castaldo non è certo una novità. E’ tutto un’organico importante, anche se a dirla tutta temo un pochino Castaldo che può sfoderare dal cilindro la giocata importante in qualsiasi momento”. E su Antonio Zito? “Non entro in merito alle polemiche dei giorni precedenti. Ma conoscendolo so che sentirà la partita, ci terrà a far bene dando il massimo cercando di fare ancora meglio del solito. E’ un ragazzo maturo ed ha fatto le sue scelte, è un giocatore più temibile del solito”.  Contro la Ternana l’Avellino cercherà di piazzare il colpo gobbo, cosa c’è da temere della truppa di Tesser? “Partiamo dal presupposto che la Ternana ha uno spirito di squadra forte e tutti cercano di raggiungere l’obiettivo, anche gli attaccanti si sacrificano tantissimo. Non c’è da temere il singolo, ma abbiamo giocatori con diverse qualità. Ad esempio Ceravolo, Avenatti e Viola che sono giocatori che conoscono la Serie B ed hanno preso parte anche alla massima Serie. Ripeto l’arma migliore sarà lo spirito di squadra da parte nostra”. Ultimo aspetto preso in carico da Brignoli è l’obiettivo stagionale. “Beh la salvezza, bisogna fare prima i cinquanta punti e poi si vedrà. La B è un campionato lungo e tortuoso, fino al giro di boa tutti potranno dire la loro”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button