Ciao Boskov. Ecco tutte le perle che rimarranno nella storia

Boskov-Vujadin-Morto-620x382 La frase piu’ gettonata nei ‘the best’ della Gialappa’s era: “Chi ha sbagliato…? Pagliuca?”. Vujadin Boskov di ‘perle’ ne ha regalate tante. Parole in liberta’, aforismi che facevano ridere dentro e fuori dal campo. “Non ho bisogno di fare la dieta. Ogni volta che entro a Marassi perdo tre chili”. “Pallone entra quando Dio vuole” “Chi non tira in porta non segna”. “Meglio perdere 4-0 che 5-0”. “Lombardo e’ come pendolino che esce dalla galleria”, “Gullit e’ come cervo che esce di foresta”, disse dell’olandese che lascio’ il Milan per passare alla Samp. Quando torno’ a Milano, commento’: “Gullit e’ come cervo che torna in foresta”. “partita finisce quando arbitro fischia” “e’ rigore quando arbitro fischia”. “Se io slego il mio cane, lui gioca meglio di Perdomo”, riferendosi al giocatore del Genoa. “Se non gioca Castellini, io mettere Hugo. Altro non hay”. “Squadra che fa piu’ punti, vince scudetto”. “Scendete in campo e sparpagliatevi” Ai giornalisti che, invece di chiedergli la formazione, lo provocavamo, con domande del tipo: “Signor Boskov, allora chi non gioca?”, lui rispondeva secco: “Chi va in panchina”. Meglio perdere una partita 6-0 che sei partite 1-0″.

Leggi anche

Salerno – Avellino, le pagelle: one man show di Riccio

Le pagelle della cocente sconfitta avellinese sul campo di Salerno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.