Antonio Sibilia, 5 anni fa la scomparsa del commendatore

Il 29 ottobre 2014 fa ci lasciava lo storico presidente dell’Avellino

di Redazione Sport Avellino

Cinque anni senza il “commendatore”. Il 29 ottobre 2014 fa ci lasciava Antonio Sibilia. L’imprenditore di Mercogliano assunse il comando della società biancoverde nel 1970 conquistando la prima storica promozione in Serie B nel 1973, lasciando poi ad Arcangelo Iapicca che ottenne il grande salto in massima serie nel 1978.

“Primma ‘o café, poi parlamme”. “Il mio allenatore deve dire sempre si”. “Chi si innamora di un calciatore non può fare il dirigente”. “Il calciatore è come il camionista. Quando uno sale sul camion, io vedo subito se è bravo o no”. “Le squadre le vedi dai terzini e dall’asse centrale: se funzionano, sei in carrozza”. Queste solo alcune delle sue citazioni passate alla storia.

Tornato presidente nel 1982, dovette abbandonare per problemi giudiziari che lo costrinsero a 12 anni di esilio dal mondo del calcio fino al ritorno nell’estate del 1994 che portò a una nuova promozione in Serie B.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy