Calcioscommesse Avellino – Tutti i fatti estratti dai verbali depositati: ecco la vicenda

Calcioscommesse Avellino – Tutti i fatti estratti dai verbali depositati: ecco la vicenda

Una lunga storia. Triste, purtroppo. Partite dalle accuse di un pentito. L’abbiamo ripercorsa, alla vigilia di una gara importante come quella di Bari

Commenta per primo!

Da Pisacane a Castaldo. Passando per Biancolino. E Taccone. Secondo l’accusa federale il presidente Taccone, come Castaldo, Arini, Pisacane, Peccarisi e Biancolino sapevano ma non hanno denuciato. L’Avellino si è sempre detta estranea e proverà a dimostrarlo. Due le gare: Avellino-Modena e Avellino-Reggina

In relazione alla gara Modena-Avellino del 17/5/2014 deferiti Francesco Millesi, Armando Izzo, Luca Pini, Maurizio Peccarisi Fabio Pisacane, Mariano Arini, Luigi Castaldo, Raffaele Biancolino e il presidente dell’Avellino Walter Taccone, nonché le società Avellino e Torbellamonaca Breda (società in cui era tesserato Pini).
In relazione alla gara Avellino-Reggina del 25/5/2014: Francesco Millesi, Armando Izzo, Luca Pini, nonché le società Avellino e Torbellamonaca Breda.

 

TUTTI I FATTI ESTRATTI DAI VERBALI

L’ACCUSA DI ACCURSO A CASTALDO

DAI VERBALI

LA POSIZIONE DI MILLESI

CHIACCHIO: “CASTALDO E’INNOCENTE”

L’AMAREZZA DI CASTALDO SUI SOCIAL

LA STORIA

GLI SMS INCRIMINATI

TUTTO E’ PARTITO DA QUI

IL MODUS OPEANDI DI MILLESI SECONDO I PM

LO SFOGO DI PISACANE NELLE INTERCETTAZIONI

CASTALDO E BIANCOLINO: NOI ESTRANEI

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy