Scandone, Ercolino: “Mia Scandone non può finire così”

Scandone, Ercolino: “Mia Scandone non può finire così”

Ercolino, tramite un post su facebook, esprime il proprio dispiacere per le vicende che stanno colpendo la Sidigas Scandone.

di Redazione Sport Avellino

Luigi Ercolino, figlio dell’ex proprietario della Scandone, con un post su Facebook, esprime il proprio dispiacere per le vicende che stanno investendo la squadra di basket. Molto probabile la retrocessione in Serie B.

 

Quante lacrime ho versato per te solo Dio, tu ed io lo sappiamo. Quante gioie abbiamo fatto condividere e quanti onori abbiamo regalato alla tua gente. Quanti hanno preferito elargire sentenze, spiegare cause ed errori senza nemmeno conoscere un centesimo dei nostri sacrifici che portano ancora oggi il colore del nostro sangue. Sangue versato per amore vero. Perché solo chi è caduto ma non ti ha usato e ne portato con se nel baratro può dire che ti ha amato per davvero. Eri morta amore mio , ma quel sei luglio riuscimmo a ridarti tutto lo splendore che potevamo e tu ce ne hai regalato di più . Vittorie,credibilità e correttezza, partendo da una “grotta” fino alla più bella casa che meritavi insieme al tuo popolo vero. Ogni giorno da quando le nostre strade si sono separate ho gioito perché tutto poteva continuare . Pensavo come un eterno innamorato che continuavi a vincere per me e che tutto quello che era stato non si sarebbe perso mai . Così potevo guardare negli occhi mio figlio sentendomi meno in colpa per tutto quanto non ho dato a lui per darlo a te con la speranza di insegnargli un giorno ad amarti proprio come ho fatto io. Ho taciuto sempre per te, perché nessuna mia parola doveva difendermi se poteva crearti dolore, ho lavorato in silenzio perché gli errori degli altri potessero esser meno gravi e dal buio ho continuato a regalarti amore vero. Mia Scandone oggi devi essere più forte di sempre perché non può finire così e non deve finire così .

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy