Scandone, settimana di passione

Scandone, settimana di passione

E’ scattato il count down verso il 2 settembre quando sarà chiaro e definitivo il futuro di Avellino

di Redazione Sport Avellino

Quella che si sta vivendo è una settimana di “passione” nell’ambiente Scandone. A farla da padrone è lo  scetticismo su un colpo di coda di patron De Cesare circa la possibilità di pagare la fideiussione di 40mila euro alla LNP entro le ore 12:00 di lunedì 2 settembre 2019. Tutto tace. Non si muove una virgola. Eppure De Cesare, riprendendo un concetto di Mauriello espresso qualche settimana fa, starebbe lavorando 25 ore al giorno per risolvere i problemi. Ma la strada verso una soluzione appare distante. E non poco. Di concreto c’è che la Scandone intesa come club è ferma su un binario morto da due mesi. Le cronache di questi giorni parlano di una Federazione preoccupatissima per come sta evolvendo la delicata querelle biancoverde. Da una parte il silenzio della proprietà, dall’altro l’ottimismo del sindaco Gianluca Festa. Nulla è cambiato sin qui? Sarà l’ennesima settimana di dubbi, pour parlè e ipotetici scenari. Col gong che si avvicina inesorabilmente.

Altrove, invece, ex cestisti biancoverdi trovano sistemazione nel nostro Paese. Marco Cusin è diventato ufficialmente un giocatore della Juve Caserta in serie A2 mentre la De Longhi Treviso è interessata all’ala Adonis Thomas, visto in Irpinia nella stagione 2016-2017.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy