Sandro Abate al DelMauro: Giacobbe e Festa pronti a rilanciare

Sandro Abate al DelMauro: Giacobbe e Festa pronti a rilanciare

Ad inizio settimana il tavolo operativo con l’Ufficio Tecnico. Sarà una soluzione provvisoria: entro tre anni la costruzione del nuovo PalaConi

di Redazione Sport Avellino

Dietro al DelMauro c’è di più. La Sandro Abate giocherà ad Avellino per la prima volta nella sua storia. Una vittoria dei tifosi che in queste settimane hanno pigiato forte sull’acceleratore convincendo l’amministrazione comunale ad invertire la rotta ed accogliere le istanze del sodalizio avellinese. Che ora rilancia e nel corso della riunione di ieri in Comune ha aperto sul tavolo “il progetto” del nuovo PalaConi. Una struttura all’avanguardia con oltre mille posti a sedere pronto ad essere realizzato con l’accensione di un mutuo con il credito sportivo. progetto già presentato al Coni, che con Abodi, darà il via libera non appena in Consiglio Comunale si approverà il nuovo bilancio. Ma l’aspetto positivo è un altro. Nel frattempo la Sandro Abate giocherà nel tempio chefu del grande basket avellinese
IL NUOVO DELMAURO
L’architetto Genovese ha illustrato con dovizia di particolari il progetto da lui messo sul tavolo. L’idea era di abbattere tre gradoni della Curva Sud e tre gradoni della Curva Nord (quelli della tribuna stampa per intenderci). Il regolamento della Divisione Calcio a 5 impone misure 40*20. E allo stato attuale il DelMauro, in lunghezza, arriva a 34. Mancano 6 metri ottenibili per mettere “porte a muro” ed ottenere il via libera della Divisione. Festa con Giacobbe, ha sollevato i propri dubbi. Meglio intervenire il meno possibile vista l’idea della costruzione del PalaConi. E nel corso dell’incontro dopo lunghi minuti è stata individuata la soluzione. La Curva Sud resta così, senza nessun abbattimento, il campo da gioco si ricaverà solo dall’abbattimento dei gradoni della Nord per arrivare a 37,8 metri di lunghezza: il minimo imposto per giocare la Serie A.
I tabelloni saranno dotati di nuova tecnologia e come accade al palaCercola e al PalaBarbuto, saranno di volta in volta smontati e posizionati agli angoli.
Le panchine per tecnici ed atleti, in stile inglese, saranno alloggiate nella prima fila degli spalti della Tribuna Montevergine. E le linee tracciate sul parquet saranno removimibili ad ogni incontro per non inficiare il tracciato “pitturato” per le gare di basket.
I LAVORI
Dovrebbero essere conclusi in sei settimane. Genovese si è impegnato a concludere il tutto entro il periodo massimo di 6 settimane. Tutte le spese saranno a cura della Sandro Abate che nell’accordo che si andrà a firmare si accollerà anche le spese, non solo dell’adeguamento, ma della ordinaria amministrazione della struttura. Quindi riscaldamento, sistemazione del tetto che nella scorsa stagione ha dato non pochi problemi. Sistemazione dell’impianto elettrico e tutto ciò che ruota attorno alla ordinaria manutenzione della struttura.
la settimana prossima arriverà la firma sull’accordo dopo aver sentito l’Ufficio Tecnico. La Sandro Abate per la prima volta nella sua storia giocherà ad Avellino ed è pronta a far nascere una nuova cultura di futsal made in Irpinia.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy