INTERVISTE

Avellino, Braglia: “Dobbiamo essere la squadra che tutti si aspettano, dobbiamo migliorare”

Le parole dell'allenatore della compagine irpina in conferenza stampa

Sarà il Potenza il prossimo avversario dell’Avellino in campionato. In vista della sfida valevole per la quinta giornata, il tecnico della formazione biancoverde Piero Braglia, nella consueta conferenza stampa di presentazione, ha introdotto la gara contro i lucani.

Dopo Foggia si chiudono bene, hanno fatto una grande partita con il Bari e meritavano di vincere. Squadra fisica, strutturata e di categoria. Squadra da prendere con le molle, visto il nostro momento. Cercheremo di vincerla. Questa squadra ha sempre creato, abbiamo preso dei legni. Ci vuole anche un briciolo di fortuna, i ragazzi devono continuare a fare quello che stanno facendo mettendo più cattiveria. Dobbiamo migliorare di più e meglio. Dobbiamo essere la squadra che tutti ci aspettiamo, dobbiamo scendere in campo convinti di quello che stiamo facendo. Con il Campobasso abbiamo toppato nel primo tempo, col Latina ci siamo andati a complicare la vita. Questa è la terza gara che facciamo in casa, ci teniamo a fare bella figura davanti ai tifosi. Ci dobbiamo mettere quel qualcosa in più. Vediamo di riuscire a svoltare. Non ci sarà turnover, devo pensare a vincere la partita. Bisogna ritrovare fiducia. Qui ci sono dei ragazzi di valore, e dobbiamo metterli in condizioni di darci una mano. L’Avellino ha una rosa di qualità, ed è attrezzato per fare un campionato di vertice. Io non cambio idea perché ho pareggiato 4 partite. L’Avellino deve arrivare fino in fondo e fare il campionato che tutti ci aspettiamo. Ne abbiamo le possibilità. Abbiamo delle alternative valide in tutti i ruoli”.

Sulle scelte:Per me i punti di riferimento sono anche i nuovi. Gioca chi sta bene domenica. Maniero ora fisicamente sta bene, non si è fatto niente. Deve solo lavorare e darci una mano. Bove insieme agli altri ha fatto bene. Abbiamo sempre lavorato su due moduli. Ci manca ancora Micovschi. Poi è chiaro dipende sempre dalla disposizione dei ragazzi. Io gioco in base a quello che ho in quel momento. Io ci credo negli attaccanti, si sbloccheranno presto. Kanoute a Monopoli ha giocato più interno. È generoso e attacca gli spazi. Questa squadra vi darà soddisfazioni”.

Su Micovschi: “Sta guarendo, sta lavorando in piscina e sta lavorando con i preparatori. Molto probabilmente faremo anche prima di ciò che si pensa per averlo a disposizione. Deve guarire bene, non faremo gli errori dello scorso anno, specialmente dal sottoscritto nei confronti di Errico”.

Sui cambi:A volte bisogna saper aspettare il momento, bisogna anche saper scegliere. E in questo devo essere al limite anche più bravo io. Vedere meglio alcuni giocatori che stanno crescendo invece di altri che restano sul solito standard. Dobbiamo essere più bravi anche nel capire il momento del giocatore”.

Articoli correlati

Back to top button