Basket – De Cesare è costretto a fare la squadra, Festa: “La Scandone giocherà la B”

Basket – De Cesare è costretto a fare la squadra, Festa: “La Scandone giocherà la B”

Il Sindaco rassicura tutti gli appassionati ma nell’ambiente Sidigas le idee erano ben altre

di Davide Baselice, @davidebaselice

In settimana faremo il punto della situazione con il presidente Mauriello. Ritengo che l’ipotesi più probabile è che la Scandone resti in mano alla Sidigas e a Gianandrea De Cesare.” A pronunciare queste parole è il sindaco di Avellino Gianluca Festa nel corso di un impegno istituzionale svoltosi stamani presso l’Ospedale Moscati.

Il primo cittadino dispensa ottimismo circa la possibilità che la squadra di pallacanestro giocherà il prossimo campionato di serie B: “In questi giorni ho avuto modo di riparlare con la proprietà. Ho ricevuto ulteriori rassicurazioni e sono convinto che dopo aver allestito la squadra di calcio non ci sia nessun motivo per non allestire quella di pallacanestro.

Di certo i problemi di natura debitoria restano ed alcuni di questi sono dietro l’angolo pronti a bussare alla porta della proprietà biancoverde. Per Festa tutto ciò non rappresenterebbe un ostacolo insormontabile volendo parafrasare le sue parole: “Il problema della gestione finanziaria non c’è. Una serie B costa tra i 450 e i 500mila euro. Siamo una provincia che può sostenere questa spesa. E’ evidente che il problema principale viene dai lodi e dai debiti pregressi, ma questo è di competenza della proprietà. Sto provando a sollecitare sponsor e sono intenzionato, oltre a fare l’abbonamento, ad invitare gli appassionati a farlo. E’ fondamentale partire, solo partendo si può innescare un meccanismo virtuoso. Se non si parte si fa tutto più difficile.”

Se l’Avellino Calcio è riuscita a costruire una squadra per la serie C, lo stesso dovrebbe fare la Scandone. Ottimismo esagerato anche in questo caso? “Abbiamo un buon esempio recente. La squadra di calcio è stata costruita in 10 giorni, penso che nello stesso periodo si può costruire anche la squadra di basket. L’obiettivo per ora è salvare il club e la serie B. C’è condivisione tra tifosi, amministrazione e società. Confido nel fatto che nei prossimi giorni si sblocchi la campagna acquisti. Ricordo che al momento la Scandone ha sotto contratto un direttore sportivo e quattro dipendenti, ha un organigramma al completo, bisogna soltanto cominciare ad individuare un coach e chiudere i primi acquisti.” Peccato che altrove sono già iniziati i raduni stagionali così come sono state concluse le campagne acquisti mentre in Irpinia la società è rimasta in silenzio per troppe settimane.

Anche perché negli stessi ambienti Sidigas c’è rassegnazione nel non esser riusciti a concretizzare l’idea di affidare la gestione sportiva ad un altro interlocutore, volendo ritornare sul concetto espresso dallo stesso De Cesare qualche settimana fa a Il Mattino. Se Festa è convinto che la squadra verrà costruita, aleggia maggiore scetticismo dalle parti di contrada Zoccolari ma il tentativo verrà fatto. Perchè dovrà essere fatto. E la speranza è riposta nell’arrivo di sponsor e quanti coloro che vorranno dare il proprio aiuto economico alla Scandone.

Appuntamento alla prossima puntata.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy