Calcio a 5: la grinta e l’orgoglio della Sandro Abate non bastano, vince di misura l’Acqua e Sapone

Calcio a 5: la grinta e l’orgoglio della Sandro Abate non bastano, vince di misura l’Acqua e Sapone

Termina sul 6-5 per gli abruzzesi la sfida al PalaCercola: pesa un episodio arbitrale nel secondo tempo

di Davide Baselice, @davidebaselice

Seconda sconfitta interna per la Sandro Abate che si arrende all’Acqua e Sapone Unigross per 6-5 nella quinta giornata di serie A. Un primo tempo chiuso in vantaggio ed una ripresa dove i goal permettono alla compagine di Bellarte di conservare l’imbattibilità in campionato grazie ai decisivi i goal di Gui e Jonas. A pesare sulle sorti del match anche l’espulsione di Molitierno.

La Sandro Abate ci prova immediatamente con tre conclusioni nel giro di pochi secondi ed il quarto tentativo è quello buono con Dian Luka che insacca alle spalle di Mammarella dopo un minuto e mezzo. La reazione degli ospiti non si lascia attendere prima con Wellington che si rende pericoloso dalle parti di Molitierno che protegge bene la porta. Ci prova anche Murillo il cui sinistro scheggia il palo al quinto di gioco. Gara che diventa subito vivace e divertente quella sul rettangolo di gioco. Nessuna delle due formazioni si risparmia: Bebetihno e Fantecele creano panico alla retroguardia adriatica ma sulla sponda opposta ci pensa un ottimo Molitierno (tra i migliori) a dire no alla botta dalla distanza di Avellino che tiene gli irpini avanti di misura trascorsi i primi dieci di gioco. L’Acqua e Sapone ci prova in ripartenza ma la buona sorte non accompagna le conclusioni da gioco dei vice campioni d’Italia che non mollano la presa mettendo in scena un forcing asfissiante negli ultimi cinque minuti della prima frazione con Jonas che sfiora il pari trovando l’opposizione di un solido Molitierno. A quattro secondi dalla fine c’è il raddoppio firmato da Dian Luka che gela gli avversari col destro che vale il 2-0.

 

Nella ripresa Montesilvano accorcia le distanze con Gui che si libera con eleganza di due avversari e scarica il sinistro che vale il primo goal di giornata. Nell’azione Fantecele si fa trovare pronto sull’assist di Dian Luka trafigge Mammarella. Non c’ un attimo di respiro in avvio di secondo tempo con Gui che punisce un incerto Lolo Suazo che vale il 3-2 al 15’ dell’intervallo. La ripartenza di Abdala va di poco alto sora la traversa confermando la personalità dei giocatori della Sandro Abate. I contatti di gioco diventano più duri e aumentano i cartellini di gioco estratti dal direttore di gara con Calderolli e Molitierno che vengono mandati anticipatamente a fare la doccia. Esordio in massima serie per il solofrano Raffaele Vitiello. La rimonta per l’Acqua e Sapone però viene completata da Jonas che a porta vuota deve depositare il goal del 3-3 al 14’ del secondo tempo. Sofferenza e ripartenza per la Sandro Abate che trova la perla di Abdala che al volo spedisce alle spalle di Mammarella un bolide col destro su suggerimento al bacio di Victor Mello (4-3 al 17’). Nicolodi grazia la difesa ma non Avellino, il portiere di movimento che prima riequilibria l’incontro e poi regala il sorpasso (4-5). Proteste della squadra di casa per un tocco di mano non ravvisato dalla terna arbitrale dal cui mancato fischio è nata la rete del momentaneo 4-4. L’episodio in questione non fa perdere lo smalto agli uomini in divisa bianca che trovano il 5-5 con Dian Luka ma Jonas bucherà ancora la porta avellinese per il 6-5 finale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy