NEWS

Fattore gruppo e voglia di stupire, la Sidigas archivia un precampionato da “lupi”

Un precampionato da applausi e con un bilancio che fa ben sperare in vista del debutto in campionato previsto per la prossima domenica contro l’Umana Reyer Venezia. Il Torneo di Fabriano, chiusosi con la larga vittoria della Sidigas Avellino contro la Openjobmetis Varese manda in archivio la serie di gare in avvicinamento all’avvio del torneo. Sei vittorie (contro Dolomiti Energia Trento, De Longhi Treviso, Capo D’Orlando, Vanoli Cremona e  openjobmetis Varese) a fronte di sole due sconfitte (Lokomotiv Kuban e Grissini Bon Reggio Emilia). Questo il biglietto da visita con cui la squadra di coach Vitucci si presenta alla gara del 12 ottobre contro i lagunari.
I biancoverdi hanno letteralmente dominato la manifestazione marchigiana, presentando un ottimo stato di forma il che, alla vigilia, era quanto meno difficile pronosticare visto il ritardo con cui la compagine irpina ha dato inizio al raduno, lo scorso 10 settembre, con ben otto appuntamenti disputati nell’arco di diciassette giorni. Vitucci  e il suo staff sono riusciti in breve tempo a plasmare un gruppo che in breve tempo ha dato ottime risposte sia sul parquet che lontano dai legni di gioco. Un fattore che ha portato la Scandone a lottare gara per gara, dovendo alzare bandiera bianca contro il peggiore degli avversari, la stanchezza che si è fatta sentire come nel caso del ko contro il Lokomotiv Kuban.
Un entusiasmo coinvolgente, quello intorno al sodalizio di contrada Zoccolari e al tutto il popolo della palla a spicchi avellinese che, adesso, confida nella stagione del riscatto dopo le molte ombre e poche luci  che hanno contraddistinto la precedente.
Un bilancio che promuove le scelte di mercato operate in sede estiva dal Dg Nevola e dallo stesso trainer veneziano che si coccola un Justin Harper, vera rivelazione sino a questo momento della Scandone. Il prodotto di Richmond è stato il vero valore aggiunto nelle ultime uscite ma ampie garanzie sono arrivate da tutto il roste. Il compito, ora, sarà dare continuità al buon momento a partire dalla delicata sfida contro la corazzata di coach Recalcati.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button