Una vittoria per coronare il sogno Final Eight

Ipotizzare calcoli è una pista che può nascondere tante insidie o inattese sorprese. Le ultime due giornate del girone di andata della Sidigas Avellino potranno rispecchiare o meno le aspettative del club biancoverde che, nel pomeriggio, ha salutato il nuovo anno, sostenendo regolare seduta di allenamento al PaladelMauro.
-2 è la temperatura cha ha accompagnato le ultime ore del 2014 del capoluogo irpino. Per Vitucci e i suoi ragazzi, invece, rappresenta la cifra necessaria per ottenere la qualificazione alle Final Eight di Coppa Italia che si svolgeranno nella cittadina lombarda di Desio dal 20 al 22 febbraio prossimi.
In caso di successo tra settantadue ore sul parquet del palaRadi di Cremona, Hanga e compagni avrebbero la matematica certezza di partecipare alla kermesse tricolore la cui ultima partecipazione risale alla stagione 2011-2012 quando allenatore della Scandone era proprio coach Frank Vitucci che guidò la  pattuglia irpina nella manifestazione che ebbe luogo a Torino.
Identico discorso va fatto per l’avversaria allenata dall’ex Cesare Pancotto (il cui nome è stato accostato a quella della Scandone qualche settimana fa in merito alla vicenda del lodo presentato al Tribunale del BAT e che ha dato ragione al trainer marchigiano, bloccando il mercato in entrata del sodalizio avellinese).
Per una delle due sfidanti la situazione potrebbe complicarsi in caso di due sconfitte nei restanti ottanta minuti che separano il campionato dal giro di boa, mettendo così in gioco Varese, Pistoia, l’Orlandina, Bologna e Cantù che in classifica hanno quattro punti di ritardo (14 contro 10) rispetto a Sidigas e Vanoli, rispettivamente settima e ottava.
Vincere a Cremona significherebbe anche sfatare un tabù. Gli irpini, infatti, non sono mai riusciti a far bottino pieno nell’impianto di Piazza Ennio Zelioli nelle precedenti cinque apparizioni. In caso di esito positivo, il posticipo contro la Openjobmetis Varese di domenica 11 gennaio alle ore 20:30 verrebbe affrontato con  minor pressione e con la certezza di avere in tasca il pass per la kermesse di Desio.
Le attenzioni della Sidigas sono tutte rivolte alla trasferta con la Vanoli. Un team il cui cammino tra le mura amiche si è rivelato ad andamento alternato. Dalla sconfitta casalinga nella gara del debutto contro l’EA7 Milano passando al primo acuto dinanzi al proprio pubblico arrivato alla sesta giornata per 87-72 contro l’Enel Brindisi fino al trionfo con l’Acqua Vitasnella Cantù.
Per il lupo, dunque, un altro esame di maturità da superare e l’occasione per mettere alle spalle lo scivolone di lunedì scorso contro l’Enel Brindisi che ha interrotto a tre la striscia aperta di  risultati utili.
Ripartire col piede giusto è il primo dei buoni propositi nelle intenzioni di Banks e compagni.

Leggi anche

La Sandro Abate si tinge ancora di azzurro, altro calcettista convocato in Nazionale

La prossima settimana l’Italfutsal sarà impegnata con le qualificazioni per l’Europeo del 2022. Per le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.