Senza categoria

Karakiri Sidigas, Hackett la punisce nel finale

IMG_5638Dura poco più di 39’ il sogno della Sidigas Avellino di battere per la seconda volta nel 2013 i Campioni d’Italia della Montepaschi Siena che espugnano il Paladelmauro 75-85 grazie ad un micidiale break di 25-8 nei cinque minuti conclusivi del quarto periodo. Sugli scudi Daniel Hackett, 35 di valutazione ed l’ispiratore della rimonta che ha spianato la strada verso la vittoria.  Ad Avellino non bastano cinque uomini in doppia cifra e non riesce la seconda vittoria casalinga in sette giorni.

Sidigas Avellino

Thomas 12 (4/4 , 1/1) , Biligha ,Lakovic 3 (1/8 da tre) , Richardson 8 ( 4/5 ,0/2 ) , Spinelli 8 ( 1/3 , 2/4) , Ivanov 19 (5 /12 , 2/4 ), Ianuale n.e. , Dragovic n.e, Morgillo n.e. , Cavaliero 14 ( 4/5 , 2 /6 ) , Hayes 11 ( 3/ 7 ; 1 /3) , Dean n.e.

All. : Vitucci

 

Montepaschi Siena

Viggiano 12 ( 3/4 ,2 /5 ) , Hunter  16( 8/15 ,0/1), Cournooh , Rochestie 6( 2/5 , 0/2 ), Carter 11 ( 2/2 ,2 /6 ) , Ress 10 ( 1/2 ,2 /3 ), Ortner, Nelson  ( 0/2 da tre ), Udom n.e., Hackett 26 ( 8/11 ,3 /4 ) , Green 4 (2 /3 , 0/3 )

All.: Crespi

 

Parziali: 25-19, 46-39,

Tiri liberi:  Av   6/7  , Si  6 /8

Arbitri: Lanzarini , Sahin , Aronne

Spettatori: 2600

Incasso: 34000 euro

Daniel Hackett
Daniel Hackett

Vitucci recupera Dean e Dragovic che vanno in panchina senza entrare in campo . In quintetto si vede per la seconda domenica consecutiva Daniele Cavaliero affiancato da Lakovic, Thomas, Ivanov e Richardson. Partenza da brividi per la Sidigas che si porta subito sul 6-0 dopo soli 58” con una tripla di Ivanov ed un gioco da tre punti di Thomas ben innescato da Cavaliero. La coppia di lunghi sarà protagonista sin dalle prime battute. Meno convincente l’avvio dell’attacco senese che comincia con statistiche da circoletto rosso: 0/4 al tiro. Il vantaggio di Avellino sale ad 8-0: Richardson appoggia comodamente a tabellone due punti, sfruttando una dormita della difesa toscana che si fa trovare impreparata, nell’azione successiva, sulla tripla di Thomas, portando la Scandone al massimo vantaggio sull’11-0.  La Montepaschi si sblocca nel punteggio con Jeff Viggiano che insacca dai 6,75 metri i primi tre punti per i suoi. L’avvio di Avellino è da stropicciarsi gli occhi. Gli irpini colpiscono da tre punti per la terza volta nel quarto con Daniele Cavaliero e coach Crespi è costretto a chiamare timeout che si rivelerà salvifico per i suoi ragazzi. Siena, infatti, segnerà cinque punti in rapida sequenza con Ress in penetrazione ed Hunter dall’angolo. I Campioni d’Italia tentano la rimonta con Hackett e Thomas. Il play ed il centro mensanini si rendono pericolosi col loro in gioco in avvicinamento a canestro ed è questa volta Vitucci a chiedere minuto di sospensione. In uscita dal timeout Richardson inchioda in faccia ad Ortner una schiacciata da poster (21-15). La veloce circolazione di palla permette alla Sidigas di trovare l’uomo come nel caso di Will Thomas (già in doppia cifra) pescato da un assist di Spinelli. Avellino, tuttavia, è distratta nel finale di primo quarto quando Viggiano inchioda la bimane del 25-19. L’offensiva di Viggiano prosegue nella seconda frazione. La Montepaschi trova con una certa facilità la via del canestro, riuscendo ad impattare sul 29-29 con Othello Hunter. Avellino cercherà di tener testa con capitan Spinelli che sigla la tripla del 32-29. L’ex centro di Sassari regalerà a Siena il primo vantaggio della serata convertendo in due punti un delizioso alley-oop di Rochestie (32-33). Seguirà un batti e ribatti  a suon di conclusioni su entrambe le metà campo finché la difesa a zona ordinata da Vitucci e cinque punti di marca biancoverde regaleranno alla Sidigas un nuovo allungo (44-39). Il tap –in di Ivanov sulla sirena metterà la ciliegina sulla torta ad un primo tempo di ottimo fattura per la Scandone che chiude col 47 % al tiro (Siena  al 56 % e il 12% da tre) ma è con testa e gambe nel match. Al rientro dagli spogliatoi Avellino ha il duro compito di amministrare i sette punti di vantaggio accumulati in precedenza ma deve fare i conti con una Montepaschi che accetta di giocare a ritmi alti costringendo l’avversaria ad un paio di palle perse  che la rimettono in partita prima col contropiede di Erick Green (48-43) seguito dalla seconda conclusione da tre punti di Jeff Viggiano. La Scandone si tiene a galla con le prodezze sotto le plance del duo Thomas – Ivanov e le penetrazioni di Cavaliero, imprendibile da Hackett col suo bruciante primo passo (58-46). La Montepaschi ritorna a farsi vedere ad inizio quarto periodo con la bomba di capitan Ress  (60-54). Canestro del captino senese da una parte, canestro del capitano irpino dall’altra: Spinelli restituisce le otto lunghezze di distanza con un passo e incrocio d’altri tempi. Siena non si arrende, affidandosi alle doti balistiche di Josh Carter ma è ancora una volta Daniele Cavaliero a togliere le castagne dal fuoco con la tripla del 67-58. Tutto finito? Neanche per sogno perché quando il momento è difficile arriva l’ora dei campioni. Ne sa qualcosa Daniel Hackett, un fulmine nella metà campo offensiva. Undici punti in 60” (con tre triple) del prodotto di Southern California ai quali si aggiunge la tripla di Carter e la partita si ribalta completamente (72-74).La  Sidigas è imbambolata e Vitucci non indovina le giuste contromisure ad Hackett che trova il tempo di servire gli assist per i tiri di Ress e Hunter. La tripla di Lakovic regalerà un’ultima e debole chance di rimonta. Vince Siena 75-85 da vera squadra campione. Qual è.

Davide Baselice

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button