US AVELLINO

Maita-Frattali, il San Nicola resta stregato. Secondo posto, Zeman arbitro della contesa?

Il punto sulla giornata di campionato

La prodezza di Maita, le grandi parate dell’ex Frattali. L’Avellino cade a Bari e non riesce neanche questa volta ad infrangere il tabù San Nicola. Lo stadio biancorosso resta stregato per i colori biancoverdi, a secco di successi in campionato sul terreno di gioco dei galletti dal lontano 1986. Dalla trasferta in terra pugliese si deve tornare combattuti, tra l’amarezza per il buon secondo tempo disputato e la consapevolezza di aver sprecato la prima frazione di gioco. Da subito bisognava far valere il peso delle motivazioni, invece di accontentarsi di partecipare alla festa con la speranza di portare via un punticino. Bisognava scaricare sul campo fin dal principio la giusta rabbia agonistica invece di farsi vincere a poco a poco da quel nervosismo che poi è sfociato in maniera lampante nei minuti finali. Un nervosismo inutile e deleterio che deve assolutamente essere accantonato in chiave playoff.

I risultati del weekend, unti all’esclusione del Catania, hanno rimescolato tutte le carte in ottica secondo posto. La corsa si è ristretta a tre squadre, con il Palermo che al momento sorride di più rispetto ad Avellino e Catanzaro. I rosanero però, con l’uscita di scena dei rossazzurri, avranno da qui alla fine soltanto una gara da disputare, al cospetto tra l’altro di un Bari che promette di onorare il torneo sino all’ultimo fischio finale. Ad approfittare di ciò potrebbero essere quindi irpini e calabresi e a vestire i panni di arbitro in questa contesa, analizzando tutte le gare che restano ancora da disputare, potrebbe essere il Foggia di Zdenek Zeman. I rossoneri sfideranno entrambe le contendenti (i calabresi stasera, i biancoverdi all’ultima giornata) e potrebbero quindi essere l’ago della bilancia. Sospinti tra l’altro dalla voglia di racimolare più punti possibili per recuperare quel terreno perso in relazione alle ultime vicende del caso Catania.

Articoli correlati

Back to top button