Serie B – Corsa salvezza al bivio: le nuove penalizzazioni abbassano la quota

Serie B – Corsa salvezza al bivio: le nuove penalizzazioni abbassano la quota

Pisa e Latina certe di nuove penalizzazioni, l’Avellino spera nel processo. Come cambierà la classifica? Proviamo a descriverne la situazione attuale

 

Tutto in discussione. Con la classifica di serie B spaccata in due filoni (dal Carpi in su si lotta per la promozione in A e i relativi spareggi play-off ndr), le altre devono correre per tenersi lontani dalla zona play-out e da un terremoto che, a settimane, si abbatterà su Pisa e Latina stravolgendo ulteriormente una classifica sempre più orientata verso il basso.

Cosa succederà?

Il Pisa, che già sta scontando un punto di penalizzazione in classifica, ne riceverà altri tre. E se dovessimo tener presente la classifica di oggi, piomberebbe a quota 30. Il Latina, già deferito (ne arriverà anche un altro di deferimento alla pari del Pisa per violazioni Covisoc ndr) è quasi sicuro di una penalizzazione totale di 4 punti. Cosa significa? Che i pontini, già con una posizione societaria deficitaria che ha sancito giorni fa il fallimento pilotato, arriverebbe a quota 28. In pratica al penultimo posto e dietro il Trapani.

E se Pisa e Latina non sorridono per penalizzazioni certe sancite dal regolamento per inadempienze finanziarie, anche l’Avellino trema. Perchè sui lupi, come ben si sa, pende il processo del calcioscommesse che si ripeterà il 7 aprile e che ha portato in prima istanza ad una penalizzazione di 7 punti così suddivisi: 4 per il presunto illecito che portò alla vittoria sulla Reggina per 3-0 e ben 3 per la sconfitta di Modena. Qui, però, la penalizzazione è tutta da decidere. Impossibile uscire indenni dal processo se ci saranno ex tesserati o attuali tesserati condannati. Per responsabilità oggettiva la scure del TFN dovrà gioco forza abbattersi sui lupi. come non si sa. Quello lo deciderà il processo che, in primo grado non si chiuderà oltre il 12 aprile. Ci sono sensazioni positive. Nel senso che l’Avellino è quasi sicuro di poter dimostrare la sua assoluta estraneità ai fatti imputati per la sfida contro la Reggina vinta 3-0. Se illecito c’è, non si capisce come i Procuratori Federali non abbiano deferito e/o ascoltato nessun calciatore di quella Reggina. Quindi, nella peggiore delle ipotesi, i punti da scontare in prima battuta (salvo i ricorsi successivi), saranno tre. Tradotto, in questa classifica, l’Avellino farà un passo indietro di una sola posizione attestandosi a quota 34, alla pari di Pro Vercelli e Cesena e dietro la Salernitana.

Quindi, in basso, sempre considerando la classifica di oggi si potrebbe tradurre così:

Ascoli 38, Salernitana 36, Avellino, Cesena e Pro Vercelli 34, Vicenza 33, Brescia 32, Pisa 30, Trapani 29, Latina 28, Ternana 26. 

Se così fosse, i lupi si troverebbero a soli 2 punti dalla zona play-out a fronte dei 4 attuali. 

Ecco perchè quella di domenica è una sfida particolare. Perchè vincendo al Libero Liberati l’Avellino allungherebbe ulteriormente condannando quasi virtualmente gli umbri alla retrocessione e consentirebbe di prepararsi all’incredibile scherzo di calendario che vedrà i lupi di fronte alle prime della classe (Spal in casa e Frosinone fuori) nel tour de force di fine marzo ed inizio aprile.

La classifica attuale

Schermata 2017-03-19 alle 19.51.54

Il prossimo cammino dei lupi

Schermata 2017-03-19 alle 19.53.12

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy