Il Circolo in tutte le specialità ciclistiche

Il Circolo in tutte le specialità ciclistiche

Lo scorso fine settimana è stato molto denso di impegni, su più fronti, per il Circolo Amatori della Bici di Atripalda

di Redazione Sport Avellino

Lo scorso fine settimana è stato molto denso di impegni, su più fronti, per il Circolo Amatori della Bici di Atripalda. Il sodalizio caro al sempiterno Sigismondo Alvino, ha partecipato a due circuiti cittadini, ad una Granfondo e ad una Randonnè.

Andiamo con ordine, il sabato oramai da tempo dedicato alle corse nel Lazio ha visto Basile, De Pascale e Pescatore partecipare al Trofeo S. Giovanni a Ripi (FR), valido come tappa del Giro di Ciociaria. Al termine di un tracciato altimentricamente impegnativo e nervoso, reso ancor più inaccessibie ai più per il gran caldo, Antonio De Pascale giunge rammaricato terzo in una volata ristretta portando il Circolo però alla conquista del primo posto di categoria. Gli stessi interpreti il giorno dopo hanno bissato l’appuntamento agonistico partecipando al Trofeo Petraglia in quel di Cervinara (AV).

Domenica mattina però prendeva forma la prima partecipazione ufficiale nella storia del Circolo nella Regione Abruzzo grazie al coraggio del giovane Carmine Carullo. Lo scalatore irpino si è cimentato nella Maratona del Gran Sasso, tra le più dure granfondo del centro sud Italia. Alla fine ha conquistato un onorevolissima 43ª posizione nella generale. Risultato ancor più gratificante se pensiamo che durante la gara ha dovuto soccorrere un altro atleta, vittima di incidente. Che dire atleta di grande spessore agonistico ma soprattutto uomo di cuore.

Infine ma non per ultimi.. quattro dei 5 Nazionale Amatucci, De Cicco, Giaquinta e Pastore hanno portato a termine la Rando Sannita inserita nel programma del Rando Tour Campania che il 7 luglio prossimo vedrà Atripalda tappa di gara. La Rando ha preso il via da Pomigliano in direzione Montesarchio, per scollinare il Taburno ed arrivare nel Sannio tra i vigneti di Solopaca. La Valle di Maddaloni ha ricondoto gli atleti atripaldesi al punto di partenza insieme a tanti amici con cui hanno condiviso l’esperienza randagia. Il gruppo giallo fluo ancora una volta si è fatto notare per spirito di partecipazione e voglia di stare insieme, ingredienti indispensabili per condire questo magnifico Sport.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy