Sandro Abate, che rimonta: Bebe all’ultimo respiro

Bebetinho all’ultimo assalto. La Sandro Abate porta a casa una vittoria d’oro. Che pesa. Eccome pesa. E fa male al campionato. E permette agli avellinesi di restare saldi al primo posto in classifica. Finisce 4-3 per gli irpini contro il Taranto. Sotto 3-2 fino ad un minuto e 11 secondi dalla fine. Poi accade l’impossibile. Comella e Cundari giocano la carta Mazzocchi portiere di movimento e per il Taranto è la fine. Bebetinho, fino a quel momento in panchina per problemi fisici, entra e decide la partita.

Prima il 3-3 e poi a 6 secondi dalla fine il gol che regala il Paradiso. Il Taranto ci resta di stucco. Aveva inseguito per 39 minuti il sogno di stendere la capolista. E invece nulla. Resta a casa senza punti. E ora rischia la retrocessione. Per il resto il match comincia in discesa per gli avellinesi. Un gol di Da Silva spiana il match. Ma poi accade l’impossibile. Un errore di Preziuso regala il pari ai tarantini. Poi Chirivì per il 2-1 in pochi secondi.

Si va negli spogliatoi. La Sandro Abate orfana dei soliti infortunati Fantecele, De Crescenzo e Testa non trova la forza per reagire. E a metà ripresa incassa il 3-1. Partita chiusa? Forse. Botta inventa il gol della rimonta. Il finale è già descritto. Bebetinho c’è. Con una gamba ed infortunato realizza due gol. Che regalano la vittoria e il primo posto. La corsa verso la serie A continua.

Leggi anche

La Sandro Abate si tinge ancora di azzurro, altro calcettista convocato in Nazionale

La prossima settimana l’Italfutsal sarà impegnata con le qualificazioni per l’Europeo del 2022. Per le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.