RUBRICHE

L’analisi – Avellino, la strada è giusta. Ruggito Teramo, Turris in affanno

Il punto sulla 21° giornata

Giornata intensa e piena di spunti quella appena andata in archivio nel girone C di Serie C. Il dato più interessante del turno è rappresentato dal dominio assoluto del fattore campo con 8 vittorie casalinghe sulle 9 gare disputate. Considerando il pareggio a reti bianche tra Potenza e Palermo, nessuno è riuscito a sbancare il terreno avversario in questa circostanza. Dato in controtendenza rispetto agli standard stagionali che dovrà essere confermato o smentito nelle prossime settimane.

Il lupo sorride

Continua a sorridere l’Avellino di Piero Braglia. I lupi piegano anche la Viterbese e mettono in cassaforte il quinto risultato utile di fila. Dopo un primo tempo scorbutico e nervoso, i biancoverdi hanno dominato la ripresa lanciando un segnale forte alle rivali. La possibilità di lavorare con tranquillità durante la settimana ed i giusti innesti arrivati dal mercato hanno dato maggiori certezze e solidità alla squadra. La continuità tanto invocata è finalmente arrivata, con i risultati che vengono accompagnati da trame di gioco piacevoli e redditizie. Adesso non bisogna fermarsi. La strada intrapresa è quella giusta e può regalare grandi soddisfazioni.

Delusione Bari

Delusione forte in casa Bari. Il ko maturato in casa del Teramo somiglia tanto ad una resa in ottica primo posto con la Ternana che allunga in modo deciso riscrivendo ogni volta i propri record. Meglio guardarsi alle spalle con l’Avellino che punge da vicino ed è pronto ad approfittare di altri passi falsi. La tensione in casa dei galletti è alta e a farne le spese potrebbe essere il tecnico Auteri. La società ha gettato acqua sul fuoco confermando la fiducia al tecnico siciliano ma la classifica, che rispecchia molto quella di un anno fa, non è sicuramente quella sperata e consona agli investimenti fatti. La gara con la Cavese, nel turno infrasettimanale, dovrà offrire ben altro tipo di risposte per dare continuità ad un matrimonio che in terra pugliese sta sollevando molti dubbi già da qualche settimana.

Riscatto Teramo

La giornata saluta il ritorno al successo di Catania (convincente rimonta sul Monopoli), Foggia (fermata la corsa della Casertana) e Juve Stabia (Padalino respira anche grazie ad un rigore discutibile), mentre vivono in contrapposizione Teramo e Turris, le grandi sorprese della prima parte di stagione. I biancorossi mettono alle spalle un periodo difficile con la rimonta vincente sul Bari. I corallini franano sul campo del Francavilla (pronto riscatto dopo la sconfitta nel derby con il Bari) e proseguono nel loro momento poco felice (1 punto nelle ultime 3 gare), condizionato da infortuni (Giannone) e sirene di mercato controproducenti. Nessun dramma, ma dalle parti di Torre del Greco si contano i minuti che separano dal gong del mercato per poter ritrovare tranquillità e ripartire alla grande.

Prima gioia Campilongo

Chiusura sul derby in salsa biancoverde tra gli ex Campilongo e Bucaro. A spuntarla è stato il primo, con la Cavese che ha così finalmente “espugnato” lo stadio amico. Prosegue invece il momento poco felice del Bisceglie che costa la panchina al tecnico palermitano.

Articoli correlati

Back to top button