Mariglianese corsara contro l’Eclanese, la truppa di Casale è sempre più ultima

 

Eclanese Curcio, Bellofatto, Salierno, Vecchione, Memmolo, Flammia, Lecce, Penta, Crocetta, Ruggiero, Buonfiglio A disp: Trucchio, Aquino, Cotunno All: Iannuzzi

Mariglianese Gaglione, Pastore, Falco, Maione, Addeo, Esposito, Antignani, Siciliano, De Biase, Pastore, Napolitano A disp: Davide, De Giroalamo, Esposito, Castello All: Papa

Arbitro Gianluca Di Lorenzo

Reti Maione 34’pt, Pastore 28’pt

Note Terreno di gioco in buone condizioni presenti circa duecento tifosi sugli spalti
Arriva l’ennesimo ko in casa Eclanese. Stavolta la truppa di mister Iannuzzi cede il passo alla Mariglianese del tecnico Papa. I partenopei fanno loro il risultato per due reti a zero che portano la firma di Maione e Pastore. I padroni di casa masticano amaro visto che si sono visti negare un calcio di rigore. Il Sign. Di Lorenzo ha negato il penaly arretrando la posizione della massima punizione di due metri. Nel primo tempo le due formazione si sono equivalse e hanno battagliato nella mediana. L’Eclanese non voleva assolutamente perdere il treno per tornare a sperare la risalita della china. L’attacco è stato completamente sterile. L’apporto del nuovo arrivo Ruggiero è servito a poco. I partenopei hanno spinto sull’accellaretore spesso per cercare il vantaggio agguantatolo al 34’ del primo tempo grazie alla rete siglata da Maione. L’Eclanese ha cercato in tutti i modi di spingere per trovare il pare ma per sua sfortuna non è riuscita ad impensierire la retroguardia napoletana. Nel prossimo turno la truppa di Iannuzzi cercherà l’assalto contro il Sant’Agnello vincente nella giornata di ieri contro il San Tommaso. Una sconfitta che condanna sempre più in basso l’Eclanese  ferma a nove punti. Per quanto riguarda la Mariglianese con questa vittoria si mette a due punti di distacco dalla zona play off. L’Eclanese è chiamata a risolvvare il morale.

Leggi anche

baraye

Mercato, Baraye-Avellino: novità sulla formula dell’operazione

Novità sulla trattativa per portare il senegalese in biancoverde

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.