SERIE B

Rastelli: “Questa squadra ha cuore”

E’ un Massimo Rastelli raggiante quello che si è presentato nel post gara contro il Pescara. Raggiante perché la squadra ha offerto l’ennesima prova di carattere. Dinanzi c’era il Pescara. Squadra in difficoltà, ma pur sempre blasonata. Tra l’altro con tanti nomi di categoria superiore. Il mister dei lupi però non nasconde un po’ di rammarico per il finale. Potevano arrivare i tre punti. Ora l’obiettivo è continuare a far punti. La strada per la salvezza è ancora lunga.
Cosa pensa della prestazione dei suoi ragazzi?
“Penso che meritavamo qualcosa in più del pareggio. La squadra ha lottato e ha rischiato anche di vincerla questa gara. In ogni modo, nonostante il finale, ci teniamo molto stretto questo punto. Ora dobbiamo continuare così. Senza montarci la testa ovviamente. L’obiettivo resta sempre la salvezza. Siamo venuti fuori alla distanza. Non meritavamo di passare in svantaggio e sembra quasi una maledizione, ma stavolta, abbiamo preso gol sempre da gioco fermo. Stavolta non un calcio d’angolo ma da una punizione che secondo me poteva anche non essere battuta. Ma non fa nulla. Dobbiamo pensare solo a noi stessi e negli spòogliatoi tra il primo e secondo tempo è bastato guardarci negli occhi per capire che questa partita potevamo perderla solo noi”.

 
Un Avellino senza paura, ma un po’ stanco e impreciso.
“Sì. E’ vero. Dovevamo essere migliori sotto porta. E’ un pò quello che diciamo da tempo. Facciamo tutto bene e poi negli ultimi metri non riusciamo a capitalizzare. ma andiamoci comunque piano. Abbiamo attaccanti che si dannano l’anima e all’occorrenza fanno anche i difensori. Però devo solo dire una cosa. Dopo Varese e dopo pescara posso solo fare i complimenti a tutti per questa partita. Dal primo all’ultimo. Sono davvero fieri di questi uomini, che fino al novantesimo hanno dato tutto”.

 
Dopo il goal, Massimo è venuto ad abbracciarla. Cosa pensa della crescita di questo ragazzo?
“Sono contento per Emiliano. E sono anche molto orgoglioso che sia venuto ad abbracciarmi dopo il suo bel goal. E’ riuscito a prendere in mano la squadra. Ha entrambe le caratteristiche di giocatori come Arini e D’Angelo. E’ un centrocampista completo. Sa impostare il gioco. E sa recuperare moltissimi palloni. Massimo, così come tutta la squadra, deve continuare il suo percorso di crescita. Tutti dobbiamo continuare il nostro percorso di crescita. Perchè, se prendiamo questa squadra, per la maggior parte sono esordienti. E in quanto tali dobbiamo cercare di dare il meglio di noi stessi.”.

 
Mister, ora arriva la capolista al Partenio.
“Non è questo il momento di pensare alla sfida di Lunedì. La squadra merita il giusto riposo. Domani torniamo in Irpinia. Dopodomani riprenderemo la preparazione in vista dell’Empoli”.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button